Come si definiscono le PMI e le microimprese?

Le piccole e medie imprese rappresentano una parte importantissima della economia europea e del nostro paese in particolare. Secondo gli ultimi dati dell’OCSE, in Italia occupano l’80% della forza lavoro in attività manufatturiere e servizi e generano i due terzi della ricchezza.

La definizione di PMI e la differenziazione tra microimpresa, piccola e media impresa è indispensabile per l’erogazione di fondi e misure di assistenza sia a livello locale che da parte dell’unione europea in cui rappresenta il 90% delle attività produttive. Per questo motivo, la Commissione riserva a questa tipologia di imprese misure, politiche e programmi specifici ideati per favorirne lo sviluppo e il rafforzamento sul mercato globale.

Per la definizione della PMI non si è tenuto conto solo della sua dimensione e del numero di addetti ma anche del fatturato o il bilancio annuale dell’azienda stessa.

• Micro impresa. Quando si parla di microimprese ci si riferisce a quelle aziende con un numero di dipendenti inferiore alle 10 unità e che realizza un fatturato o un bilancio annuo uguale o inferiore ai 2 milioni di euro

• Piccola impresa. Le piccole imprese sono aziende con meno di 50 occupati e un fatturato o bilancio annuo non superiore ai 10 milioni di euro

• Media impresa. Le medie imprese italiane ed europee hanno un massino di 250 unità lavorative e un fatturato inferiore o uguale ai 50 milioni di euro o un totale di bilancio annuo non superiore ai 43 milioni di euro

Per maggiori dettagli sulla classificazione delle PMI è utile consultare la raccomandazione della commissione europea in proposito.

La Commissione con questo documento fornisce una definizione di PMI univoca per tutti gli Stati Membri e aiuta a distinguere tra microimpresa, piccola impresa e media impresa.

Perché un imprenditore deve capirne di marketing?

Perché oltre che occuparsi dei già tanti processi aziendali e dei propri dipendenti, dovrebbe governare lo sviluppo della strategia di marketing?

 

Il ruolo dell’imprenditore impone di conoscere ogni leva utile al business, comprese quelle relative al posizionamento sul mercato, alla natura dei diversi canali comunicativi e alla raccolta e gestione di informazioni utili.

 

La strategia; dove vuoi essere tra un anno, la scelta di cosa produrre, per chi, come… tutto questo prende forma grazie al marketing, è marketing. Appare ovvio, quindi, che un buon imprenditore non può delegare questi aspetti strategici rinunciando del tutto a mantenere il suo ruolo di guida.

Come ben sai, bisogna avere una buona pianificazione e un ottimo controllo di tutte le attività dell’impresa (compresa l’acquisizione e la gestione dei clienti!). Solamente in questo modo, si può evitare di farsi raccontare frottole da consulenti non preparati o in mala fede e di perdere, quindi, importanti occasioni di crescita.