Come si definiscono le PMI e le microimprese?

Le piccole e medie imprese rappresentano una parte importantissima della economia europea e del nostro paese in particolare. Secondo gli ultimi dati dell’OCSE, in Italia occupano l’80% della forza lavoro in attività manufatturiere e servizi e generano i due terzi della ricchezza.

La definizione di PMI e la differenziazione tra microimpresa, piccola e media impresa è indispensabile per l’erogazione di fondi e misure di assistenza sia a livello locale che da parte dell’unione europea in cui rappresenta il 90% delle attività produttive. Per questo motivo, la Commissione riserva a questa tipologia di imprese misure, politiche e programmi specifici ideati per favorirne lo sviluppo e il rafforzamento sul mercato globale.

Per la definizione della PMI non si è tenuto conto solo della sua dimensione e del numero di addetti ma anche del fatturato o il bilancio annuale dell’azienda stessa.

• Micro impresa. Quando si parla di microimprese ci si riferisce a quelle aziende con un numero di dipendenti inferiore alle 10 unità e che realizza un fatturato o un bilancio annuo uguale o inferiore ai 2 milioni di euro

• Piccola impresa. Le piccole imprese sono aziende con meno di 50 occupati e un fatturato o bilancio annuo non superiore ai 10 milioni di euro

• Media impresa. Le medie imprese italiane ed europee hanno un massino di 250 unità lavorative e un fatturato inferiore o uguale ai 50 milioni di euro o un totale di bilancio annuo non superiore ai 43 milioni di euro

Per maggiori dettagli sulla classificazione delle PMI è utile consultare la raccomandazione della commissione europea in proposito.

La Commissione con questo documento fornisce una definizione di PMI univoca per tutti gli Stati Membri e aiuta a distinguere tra microimpresa, piccola impresa e media impresa.

PMI e microimprese: produttività ai minimi europei e digitalizzazione incompleta

Aumenta l’occupazione ma in un contesto di fragilità strutturale e evoluzione tecnologica limitata.
L’ultima relazione del Garante per le Piccole Medie Imprese al consiglio dei ministri (Luglio 2018) traccia un profilo abbastanza critico per quanto riguarda le attività imprenditoriali più piccole.
Il rapporto illustra i principali elementi che definiscono il nostro sistema economico e le sfide legate alla Quarta Rivoluzione Industriale, tocca il tema dell’economia circolare, della digitalizzazione e della produttività e della internazionalizzazione in relazione allo stato di salute delle PMI italiane.
Benché le imprese di micro/piccole e medie dimensioni rappresentino il 92,5% delle aziende italiane nel settore manifatturiero e dei servizi e l’occupazione generata sia in costante aumento nell’ultimo anno (fonte Osservatorio Occupazione CNA) l’analisi del MISE evidenzia alcuni importanti punti di miglioramento. Confrontando i livelli di produttività nel complesso delle PMI emerge che l’Italia supera solo quella spagnola. In particolare ci collochiamo al penultimo posto per la fascia fino a 9 addetti e risultano primi solo in quella fra i 50 e i 249. Si nota anche un grande divario fra le micro e le grandi imprese, molto più ampio rispetto agli altri paesi. Il livello dell micro impresa in Italia è appena il 41% rispetto alla grande impresa contro il 43% della Spagna ed il 78% dei vicini francesi.
Livelli relativi della produttività del lavoro – rapporto tra il valore aggiunto al costo dei fattori/numero di addetti – per le imprese fino a 9 addetti/imprese con oltre 250 addetti.

Schermata 2018-09-11 alle 10.19.11

Secondo l’analisi la differenza di produttività è interamente collegata alle micro e piccole imprese anche a causa del loro peso numerico dominante in Italia (oltre il 95% sul totale).
Fra le ragioni principali il rapporto cita il ritardo nell’innovazione tecnologica, la specializzazione sbilanciata verso produzioni manifatturiere a basso contenuto tecnologico e gli scarsi investimenti nella formazione del personale.
Anche il livello di digitalizzazione tra PMI e grandi imprese è rivelatore e si esprime soprattutto nel divario importante di adozione delle più moderne tecnologie (il gap peraltro accomuna l’Italia a tutti i Paesi analizzati). In Italia, in particolare, le PMI hanno raggiunto un buon livello di adozione del ICT di base ma risultano più limitate nell’utilizzo del web e dei social media. La distanza è certamente causata anche da gap infra-strutturali: nel 2017 solo il 7% delle imprese aveva accesso a Internet con velocità superiore ai 100Mb/s contro il 42% della Danimarca e il 39% della Svezia.

kHealth: Un mondo dedicato alle PMI nel settore Consumer Health

Nasce il nuovo servizio di kMap dedicato al Consumer Health.

logo-kHealth

Le piccole e medie imprese nel settore Consumer Health, spesso molto innovative e pronte al cambiamento, possono cogliere tutte le opportunità del mercato utilizzando gli strumenti corretti di pianificazione ed analisi pensati e testati sulle loro caratteristiche.

kHealth rappresenta una guida pratica per lo sviluppo di un piano commerciale a partire da una precisa definizione del valore distintivo dell’impresa e del prodotto.

Il team di kHealth oltre ad assisterti tecnicamente ed introdurti all’utilizzo dello strumento può collaborare direttamente con la tua azienda per:

• perfezionare la definizione del tuo posizionamento distintivo
• elaborare insieme a te i messaggi più efficaci e declinarli per tutti i target coinvolti
• valutare quali possono essere le scelte distributive più efficaci in rapporto alle caratteristiche ed alle risorse in campo
• aiutarti a pianificare ed eseguire il tuo piano di marketing attraverso:

– Scelta degli strumenti da attivare
– Calendarizzazione delle attività
– Forecast degli investimenti e verifica
– Tracciatura dei risultati attraverso kHealth e valutazione con il management di eventuali azioni correttive

kHealth è un team di esperti in marketing, comunicazione e social media nel settore Consumer Health e saprà assisterti per cogliere tutte le opportunità che il digital offre oggi alle PMI.

In più è stata realizzato una piattaforma digitale interamente dedicata al settore, disponibile all’indirizzo health.kmap.it.

Contatta un nostro consulente per saperne di più.
info@kmap.it

Perché un imprenditore deve capirne di marketing?

Perché oltre che occuparsi dei già tanti processi aziendali e dei propri dipendenti, dovrebbe governare lo sviluppo della strategia di marketing?

 

Il ruolo dell’imprenditore impone di conoscere ogni leva utile al business, comprese quelle relative al posizionamento sul mercato, alla natura dei diversi canali comunicativi e alla raccolta e gestione di informazioni utili.

 

La strategia; dove vuoi essere tra un anno, la scelta di cosa produrre, per chi, come… tutto questo prende forma grazie al marketing, è marketing. Appare ovvio, quindi, che un buon imprenditore non può delegare questi aspetti strategici rinunciando del tutto a mantenere il suo ruolo di guida.

Come ben sai, bisogna avere una buona pianificazione e un ottimo controllo di tutte le attività dell’impresa (compresa l’acquisizione e la gestione dei clienti!). Solamente in questo modo, si può evitare di farsi raccontare frottole da consulenti non preparati o in mala fede e di perdere, quindi, importanti occasioni di crescita.